Gente indipendente Nella selvaggia Islanda a cavallo fra i secoli XIX e XX la vita del bracciante Bjartur di Sumarhs sembra giungere a una svolta finalmente dopo diciotto anni passati al servizio dell ufficiale distre

  • Title: Gente indipendente
  • Author: Laxness Halldór
  • ISBN:
  • Page: 263
  • Format: Formato Kindle
  • Nella selvaggia Islanda a cavallo fra i secoli XIX e XX, la vita del bracciante Bjartur di Sumarhs sembra giungere a una svolta finalmente, dopo diciotto anni passati al servizio dell ufficiale distrettuale, in grado di acquistare un appezzamento di terreno nella brughiera orientale e dichiararsi indipendente Dopo anni di pasti frugali e duro lavoro, animati unicamente da discussioni di poesia e letteratura, di politica e di religione, il variegato nucleo familiare di Bjartur potr definitivamente insediarsi nella casupola di torba da lui stesso costruita Non solo la storia di un contadino alla conquista della propria emancipazione, ma anche della societ islandese dell epoca, di cui l autore mostra le piccolezze e le meschinit.

    • Free Read [Fantasy Book] ✓ Gente indipendente - by Laxness Halldór ✓
      263 Laxness Halldór
    • thumbnail Title: Free Read [Fantasy Book] ✓ Gente indipendente - by Laxness Halldór ✓
      Posted by:Laxness Halldór
      Published :2019-04-03T02:24:55+00:00

    About "Laxness Halldór"

    1. Laxness Halldór

      Laxness Halldór Is a well-known author, some of his books are a fascination for readers like in the Gente indipendente book, this is one of the most wanted Laxness Halldór author readers around the world.

    389 thoughts on “Gente indipendente”

    1. Leggere "Gente Indipendente" è stato come entrare nella machina del tempo ed essere catapultata di colpo nel mondo prima della civilizzazione: case di torba piene di muffa e spifferi, avere sempre freddo anche d'estate; passare l'inverno con porte e finestre sbarrate, l'aria malsana, il buio perenne, il fango in casa, nel letto; la paura del buio, dei fantasmi, di Dio; i calci e i pugni alle mogli, le insidie alle figlie; essere già vecchi a quarant'anni, rimbambiti a quarantacinque; passare d [...]


    2. Ho dato una valutazione massima, perché il libro è un interessante e sorprendente spaccato della vita islandese del secolo scorso, a noi in maggioranza sconosciuta. Consiglio questo libro a tutti quelli che amano questa peculiare isola ricca di vulcani e cascate.


    3. Un po' Giovanni Verga, un po' Gabriel Garcia Marquez, ma al freddo, nel fango, nella palude e con pecore che sbucano dappertutto, e, soprattutto senza uno straccio di aurora boreale, nonostante l'Islanda. Grande libro, Nobel strameritato.


    4. Un libro meraviglioso. L’ho trovato per caso, essendo totalmente ignorante rispetto alla cultura islandese, ed è stata una rivelazione. Il paesaggio ti entra sotto la pelle ed i perdonaggi nel cuore. Il rapporto con gli animali nonostante tutto d’amoreleggetelo!


    5. Denso di atmosfere familiari in una natura tragica e magica dove si inseriscono le dinamiche di una societa' in cambiamento


    6. Ho iniziato a leggerlo al mio arrivo in Islanda,sembrava che il tempo non fosse trascorso, ogni scorcio del paesaggio lo trovavo nel libro, e' come se il mio viaggio lo avessi faccio in compagnia di Bijarthur!


    7. è vero che ricorda, per assonanza, i Malavoglia, ma lo stile è lontanissimo da quello. Non è un romanzo verista, ma lirico. In questa epopea il contadino declina versi, cammina sulle sue terre in cerca delle sue pecore "masticando" versi lirici, simili al romanzo epico di Virgilio.Al centro di tutto c'è la ricerca continua, spesso insensata, dell'indipendenza personale. Niente vale più dell'indipendenza, nessun prezzo è abbastanza alto per la propria libertà tema è così lontano dai gior [...]


    8. Un uomo ha un solo sogno: essere indipendente. Per 18 lunghi anni costui ha mangiato il pane altrui, finché è riuscito nell'impresa: acquistare un podere. E pazienza se è percorso da spiriti maligni e demoni, se le pecore muoiono o hanno i vermi, e la terra non regala nulla. Bjartur crede solo in se stesso, e nelle antiche saghe islandesi di cui recita i versi. Perderà la prima moglie, la seconda, i figli, ma resterà follemente fedele alla propria indipendenza, senza badare a niente, senza [...]


    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *